Documenti trovati: 9

Si ringrazia

#PalermoChiamaItalia

Un fiume di studentesse e studenti uniti nei cortei per le celebrazioni del XXV anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio.

Domani 23 maggio prossimo 70.000 studentesse e studenti saranno protagonisti di #PalermoChiamaItalia, l’iniziativa organizzata dalla Fondazione Falcone e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per la commemorazione delle stragi di Capaci e via D’Amelio in cui hanno perso la vita, venticinque anni fa, i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli uomini e le donne delle loro scorte, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Rocco Dicillo, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Antonio Montinaro, Vito Schifani, Claudio Traina.

Come ogni anno, due cortei animeranno le strade di Palermo, attraversando i principali luoghi della memoria della città. La partenza è alle ore 15.30 dall'Aula Bunker e alle 16.00 da Via d'Amelio. I due cortei si uniranno sotto l'albero Falcone in via Notarbartolo alle 17.00. Dopo l’arrivo dei cortei, ci sarà il momento solenne in ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e di Via d’Amelio.

Sul palco, si esibiranno gli studenti e le studentesse della Scuola Amari Roncalli Ferrara di Palermo con la canzone “Palermitani’s Karma, quelli dell’Istituto De Amicis di Vibo Valentia con la filastrocca "A Giovanni, Paolo, Francesca e agli angeli della scorta" e l'artista Aida Satta Flores con due brani dedicati a Giovanni Falcone.

Oltre alle principali Autorità delle Istituzioni, si avrà il contributo di Vito Lo Monaco, del Centro Studi Pio La Torre, l'intervento del Consigliere del CSM Dr Luca Palamara e l'esibizione musicale di Ermal Meta.

Alle 17.55 saranno letti i nomi delle vittime delle stragi dal Presidente del Senato Pietro Grasso e alle 17.58, ora della strage di Capaci, verrà eseguito il Silenzio dal trombettiere della Polizia di Stato.

A chiudere la celebrazione e' stato invitato Giuliano Sangiorgi dei Negramaro che ha deciso di portare su quel palco "Lo sai da qui" una canzone scritta per suo padre un grande uomo siciliano. Ha deciso di cantare queste parole:

nella sua terra, sotto casa del giudice Falcone il 23 maggio nel giorno in cui un eroe è diventato angelo per continuare a proteggerci anche "da lì", al fianco di un altro eroe, divenuto pure lui angelo insieme ad altri custodi della nostra vita, "partiti troppo presto "da qui... Non so dire a parole l'emozione che proverò in quell'istante, ma il mio corpo ha già cominciato, sin da ora, a misurare il tempo in brividi.

Spero che questa canzone possa essere di speranza per chi resta "qui", spronandolo a vivere appieno ogni singolo giorno, tra le gioie autentiche, l'impegno, la testimonianza e il sogno di quel mondo migliore, che, uomini come questi, hanno cominciato a costruire con il loro sangue e la loro devozione assoluta all'umanità, nonostante tutti, nonostante tutto."

Domani parte la Nave della Legalità

COMUNICATO STAMPA

 

#PalermoChiamaItalia

Domani parte la Nave della Legalità

 

Oltre mille ragazze e ragazzi in viaggio da Civitavecchia a Palermo per aprire le celebrazioni del

XXV anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio

 

Il 23 maggio prossimo 70.000 studentesse e studenti saranno protagonisti di #PalermoChiamaItalia, l’iniziativa organizzata dalla Fondazione Falcone e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per la commemorazione delle stragi di Capaci e via D’Amelio in cui hanno perso la vita, venticinque anni fa, i giudiciGiovanni FalconeFrancesca MorvilloPaolo Borsellino e gli uomini e le donne delle loro scorte, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Rocco DicilloVincenzo Li MuliEmanuela LoiAntonio MontinaroVito SchifaniClaudio Traina.

 

Quest’anno, in occasione del venticinquesimo anniversario delle stragi, torna anche il viaggio della Nave della Legalità. Nel tragitto, oltre mille ragazze e ragazzi incontreranno le istituzioni e si confronteranno sull’educazione alla cittadinanza e sull’eredità di Falcone e Borsellino. La Nave salperà da Civitavecchia nel pomeriggio di domani, 22 maggio, per approdare a Palermo la mattina del 23, dando ufficialmente il via alle celebrazioni.

 

Sulla Nave saranno presenti il Presidente del Senato, Pietro Grasso, la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, il Procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, il Vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Giovanni Legnini, il Professor Nando Dalla Chiesa. Durante il viaggio di ritorno sarà proiettato il film ‘Sicilian Ghost Story’ di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, presentato in anteprima alla Settimana della Critica di Cannes. Il viaggio è reso possibile grazie alla GNV che mette a disposizione una delle sue navi.

 

Per ulteriori informazioni sulla Nave e sulle attività del 23 maggio:

http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ministero/cs190517bis

 

 

Roma, 21 maggio 2017

 

Sara Manisera
 
Addetto Stampa Fondazione Falcone

#PalermoChiamaItalia - Il Programma

23 maggio 2017.jpg

#PalermoChiamaItalia

23 maggio 2017

 

Il Programma

 

Dal 2002, anno del decennale della strage di Capaci, la Fondazione Falcone, in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, dell’Università e della Ricerca promuove percorsi di educazione alla legalità nelle scuole. Percorsi che trovano il loro momento corale il 23 maggio, in occasione della ricorrenza dell'attentato mafioso a Capaci, con un evento che abbraccia tutte le principali piazze d’Italia e che ha il suo fulcro a Palermo. Negli anni questi percorsi si sono arricchiti di collaborazioni importanti attraverso gli accordi firmati con l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), la Procura nazionale antimafia, il Consiglio superiore della magistratura (Csm), l’Associazione nazionale magistrati (Anm) che hanno consentito di portare nelle scuole esperti e attività didattiche mirate alla diffusione della cultura del rispetto e della legalità.

Quest’anno sono circa 70.000 le studentesse e gli studenti che saranno coinvolti per l’evento. A loro si aggiungeranno genitori, docenti, dirigenti.

 

 

COME SI SVOLGE LA GIORNATA DEL 23 MAGGIO 2017

Martedì 23 maggio, le studentesse e gli studenti avranno la possibilità di essere protagonisti di distinti momenti di commemorazione. Al mattino, centinaia di alunne e alunni delle scuole siciliane accoglieranno la Nave della Legalità in arrivo al Porto di Palermo con a bordo ragazze e ragazzi delle scuole provenienti da tutta Italia. Tutti assieme si sposteranno, in corteo, presso l’Aula Bunker, luogo simbolo del Maxiprocesso a Cosa Nostra, per la commemorazione istituzionale. La cerimonia è seguita in diretta, dalle 9.45, sul primo canale Rai. Autorità istituzionali, vertici delle Forze dell’Ordine, della Magistratura e della società civile saranno presenti nell’Aula e presso alcune piazze della città, dove le scuole avranno la possibilità di incontrarsi e scambiarsi idee e buone prassi.

Nel pomeriggio - alle 16 e alle 15.30 - partiranno due cortei: uno dall’Aula Bunker e l’altro da Via d’Amelio. Si ritroveranno sotto l’Albero Falcone, in via Notarbartolo, per celebrare insieme il momento solenne del Silenzio suonato dalla Polizia di Stato all’ora della strage di Capaci che avvenne alle 17.58. Nel corso delle Celebrazioni è prevista la presenza di circa 70.000 studentesse e studenti.

 

Al fine di valorizzare al meglio e con contenuti di alto profilo istituzionale e formativo le celebrazioni, sono previste iniziative anche il 22 maggio 2017.

 

PROGRAMMA 22 MAGGIO 2017

 

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA

Palazzo dei Marescialli – Roma - Ore 11.00

Presso Palazzo dei Marescialli, a Roma, si terrà una seduta straordinaria dell’Assemblea Plenaria del Consiglio Superiore della Magistratura (Csm), presieduta dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per la trattazione della pratica della Sesta commissione relativa “alla pubblicazione degli atti su Giovanni Falcone, a 25 anni dalla strage di Capaci”.

 

NAVE DELLA LEGALITÀ – Partenza da Civitavecchia - Ore 17

Il Viaggio della Legalità inizierà ufficialmente il pomeriggio del 22 maggio con la cerimonia di apertura al Porto di Civitavecchia. Alle 17 le autorità incontreranno e saluteranno oltre 1.000 ragazze e ragazzi, le e i loro insegnanti e dirigenti scolastici che salperanno verso Palermo con la Nave della Legalità del gruppo Grandi Navi Veloci. Parteciperanno il Presidente dell’Autorità Portuale Francesco Maria di Majo, la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli, il Presidente del Senato Pietro Grasso.

 

Le scuole che saliranno a bordo della Nave sono quelle selezionate dal concorso nazionale “Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi – Ricordare per crescere”, indetto dalla Fondazione Falcone e dal MIUR.

 

Sulla Nave della Legalità saranno inoltre presenti: il Presidente del Senato Pietro Grasso, la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli, il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti, il Vicepresidente del Csm Giovanni Legnini, il Primo Presidente della Corte di Cassazione Giovanni Canzio.

 

Studentesse e studenti, docenti e autorità salperanno verso Palermo e durante il percorso le scuole svolgeranno attività didattiche ‘sul campo’ attraverso incontri e dibattiti dedicati all’educazione alla legalità e alla lotta alle mafie. Durante la serata si terrà il dibattito “Mafia e Antimafia oggi”, moderata da Nando dalla Chiesa, professore di Sociologia della Criminalità Organizzata presso l’Università degli Studi di Milano. La ricercatrice Martina Mazzeo presenterà invece la ricerca “L’educazione alla legalità e all’antimafia nella scuola italiana: il caso siciliano”.

 

Non sarà un semplice viaggio, ma un’occasione di incontro per studentesse, studenti e docenti con importanti figure delle Istituzioni e delle Associazioni che si occupano di legalità. La partenza sarà preceduta da un “varo” simbolico durante il quale sarà dispiegata la foto di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e sarà cantato l’Inno d’Italia.

 

Durante il viaggio di ritorno, la sera del 23 maggio, verrà proiettato il film Sicilian Ghost Story, di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza alla presenza dei due giovani protagonisti Julia Jedlikowska e Gaetano Fernandez e dell’interprete Filippo Luna. Il film, presentato in anteprima alla Semaine de la Critique del Festival di Cannes, ora nelle sale, è dedicato a Giuseppe Di Matteo, vittima di mafia, ucciso nel tentativo di far tacere suo padre Santino Di Matteo, collaboratore di giustizia ed ex-mafioso.

 

 

PROGRAMMA 23 MAGGIO 2017

 

NAVE DELLA LEGALITÀ - Arrivo a Palermo - Ore 8.20

La mattina del 23 maggio le delegazioni delle scuole di Palermo e di tutta la Sicilia, composte da centinaia di studentesse e studenti, attenderanno al Porto l’arrivo della Nave per accogliere le ragazze e i ragazzi provenienti dal resto d’Italia. Ad accogliere le Autorità e le scuole ci saranno la professoressa Maria Falcone, Leonardo Guarnotta, Segretario Generale della Fondazione Falcone e membro del Pool antimafia coordinato dal giudice Antonino Caponnetto, e la Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia Rosy Bindi.

 

Dopo la cerimonia di benvenuto e i saluti introduttivi delle Autorità, le studentesse e gli studenti si divideranno: mille di loro si dirigeranno verso l’Aula Bunker del Carcere dell'Ucciardone di Palermo per assistere al momento istituzionale della manifestazione, mentre gli altri si recheranno a Piazza Magione, piazza simbolica della città.

 

 

AULA BUNKER – Ore 10.00–13.00

Ingresso Previo Accredito

Cerimonia istituzionale solenne per l'anniversario delle stragi di Capaci e Via d’Amelio, in ricordo di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Francesca Morvillo, e delle donne e degli uomini delle loro scorte: Rocco Di Cillo, Vito Schifani, Antonio Montinaro, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Agostino Catalano. Saranno presenti il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il Presidente del Senato, Pietro Grasso, la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, il Ministro dell’Interno, Marco Minniti, il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, la Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, Rosy Bindi, il Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti, il Vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Giovanni Legnini, il Primo Presidente della Corte di Cassazione, Giovanni Canzio, il Presidente dell’Associazione nazionale magistrati Eugenio Albamonte, la Presidente Maria Falcone, rappresentanti dei vertici delle Forze dell’Ordine e dell’Autorità nazionale anticorruzione.

 

La commemorazione del XXV anniversario sarà trasmessa in diretta dalla Rai, dalle 9.45, che nei giorni precedenti promuoverà sulle proprie reti una programmazione mirata con le attività e i progetti dedicati alla legalità e alla memoria realizzati dalle scuole.

 

Per la prima volta, inoltre, l’Aula Bunker ospiterà eccezionalmente una mostra di opere d’arte ritrovate dal Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale. L’Arma dei Carabinieri, in collaborazione con il MiBACT e con la Regione Sicilia e con il contributo dell’Aeronautica Militare, ha promosso Fidelis, esposizione inserita nel progetto più ampio “Le città della fiducia”. Le opere d'arte, recuperate dai Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, saranno esposte presso la Caserma Carlo Alberto Dalla Chiesa, via Vittorio Emanuele 475 - dal 24 maggio al 10 settembre. Il 23 maggio ci sarà un'installazione straordinaria in Aula Bunker intitolata “Opere d'arte simbolo di legalità”. Una produzione a cura generale della Fondazione Falcone, Open Group, First Social Life.  (Vedere Scheda)

 

VILLAGGIO DELLA LEGALITÀ - Ore 9.00–15.00      
Ingresso Previo Accredito

Nel cortile antistante l’Aula Bunker sarà allestito per le studentesse e gli studenti delle scuole primarie e secondarie di I grado il Villaggio della Legalità. In questo spazio le scuole partecipanti saranno coinvolte in numerose attività in un clima di condivisione e socializzazione. (Vedere Scheda)

 

PIAZZA MAGIONE - Ore 9.00–13.30

Ingresso Libero

La storica piazza nel centro di Palermo, Piazza Magione, nel quartiere Kalsa, dove sono cresciuti sia Giovanni Falcone che Paolo Borsellino, ospiterà anche quest’anno le celebrazioni per il XXV anniversario con oltre 7.000 studentesse e studenti, le associazioni impegnate nel campo della legalità e del sociale e le Forze dell’Ordine che svolgeranno attività educative e laboratoriali.

 

Saranno presenti le Associazioni: AddioPizzo, Agenzia delle Entrate, Al Revés Sartoria sociale, Arma dei Carabinieri, Centro di Accoglienza Padre Nostro – Onlus, Centro di Studi ed Iniziative Culturali Pio La Torre, Centro Studi Paolo Borsellino, CEPELL Centro per il Libro e La Letteratura, Circ’opificio, Comeunamarea Onlus, Corpo dei Vigili del Fuoco, Corpo Forestale Regionale, Croce Rossa Italiana, Esercito Italiano, FINAS - Associazione studentesca “Future is now”, FMI - Federazione Motociclisti Italiani, Guardia di Finanza, Infioritalia e ITET “Pio La Torre” di Palermo, Istituto Comprensivo “Amari – Roncalli - Ferrara” di Palermo, Istituto Comprensivo “Padre Pino Puglisi” Istituto di Cinematografia e Televisione “Roberto Rossellini” di Roma, Università degli studi di Milano, Libera, Liceo Classico “Umberto I” di Palermo, Marida Onlus, Polizia di Stato, Dipartimento Regionale di Protezione Civile.

 

Sul palco si alterneranno performance musicali di giovani artisti tra cui Andrea Maestrelli, Dinastia & Gli Ultimi, Francesco Guasti, Davide Merlini e di alcune studentesse e studenti. Interverranno Luca Abete, il magistrato Mario Conte e gli youtubers Giampytek&Murry. Animerà la giornata Sasà Salvaggio.

 

Altre iniziative correlate alla piazza:

 

-          “C’ERA UNA VOLTA LA SCUOLA… VIAGGIO NELLA VITA SCOLASTICA DAL 1900 AL 1970”: durante la manifestazione sarà possibile vistare la mostra presso l’Istituto “Amari – Roncalli – Ferrara” di Piazza Magione, dove saranno esposti i registri scolastici del Giudice Paolo Borsellino che in questo istituto, frequentò gli ultimi due anni della scuola primaria.

 

-          “LETTURE AD ALTA VOCE”: dalle ore 10.00 alle ore 11.00 presso la Chiesa di Santa Maria dello Spasimo, in Via dello Spasimo, a due passi da Piazza Magione sarà possibile partecipare alle letture dove interverranno il magistrato Daniela Troja e l’autore Luigi Garlando.

 

 

BIBLIOTECA COMUNALE: MOSTRA FOTOGRAFICA “L’EREDITÀ DI FALCONE E BORSELLINO”

Ingresso Libero

Avviata nel mese di maggio 2016, la mostra fotografica itinerante “L’Eredità di Falcone e Borsellino” è un progetto congiunto tra la Direzione Generale dello Studente, l’Integrazione e la Partecipazione del MIUR e l’ANSA. Nata nel 2012, come progetto per la celebrazione dei venti anni dai tragici attentati nei quali i due magistrati palermitani persero la vita, è stata inaugurata il 23 maggio 2012 a Palermo nelle Sale Lignee di Palazzo Branciforte e successivamente allestita presso il Parlamento Europeo e la Camera dei Deputati.  Nel corso del 2016, la mostra è stata ospitata da molte scuole di tutta Italia in una versione arricchita di nuovi documenti.

Si tratta di circa 200 fotografie che raccontano la storia di Falcone e Borsellino, dalla loro adolescenza all’inizio della carriera nella magistratura, per proseguire con la nascita del “Pool antimafia”, il maxi processo e le stragi del ’92 nelle quali furono vittime. L’iniziativa è stata voluta per far conoscere la storia di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino alle giovanissime e ai giovanissimi che in quegli anni non erano ancora nati, nel tentativo di trasferire loro i valori della legalità e della lotta alla criminalità organizzata. L’aspetto itinerante della mostra ha un ulteriore valore educativo che mira a far comprendere come i fatti che interessarono la Palermo di quegli anni abbiano riguardato – e continuino a riguardare anche oggi – la storia dell’intero Paese e di ognuna e ognuno di noi.

Dopo aver toccato tutti i capoluoghi della Regione, il 23 maggio sarà a Palermo e verrà allestita fino al 28 maggio nella Chiesa di Santa Maria dello Spasimo, in occasione del 25mo anniversario della strage di Capaci e di Via D’Amelio. 

 

 

INIZIATIVA DEL CEPELL "LETTURE AD ALTA VOCE"

Ingresso Libero

Promossa dal Cepell (Centro per il libro e la lettura), Istituto autonomo del MIBACT, questa un'iniziativa sarà diffusa nella città di Palermo e si svolgerà dal 19 al 23 maggio quando ricorrerà la commemorazione del 25mo anno dalle stragi di Capaci e via d'Amelio.

Nonostante la coincidenza e prossimità della ricorrenza con il Salone del Libro, sono molti le autrici e gli autori ad aver confermato la loro presenza e diverse le librerie che hanno aderito e ospiteranno autrici, autori e magistrati per leggere, con e per le studentesse e gli studenti, le cittadine e i cittadini, i testi selezionati dalle Librerie Coop di Bologna e dal Presidente del Cepell, Professor Romano Montroni. L’iniziativa si concluderà presso la Chiesa di Santa Maria dello Spasimo, a Palermo, dove l’autore Luigi Garlando e il magistrato Daniela Troja, dalle ore 10.00 alle ore 11.30, continueranno “Letture ad alta voce” alla presenza delle studentesse e degli studenti partecipanti alla manifestazione.

 

 

LE SCUOLE DI PALERMO - ORE 9.00–13.00

Ingresso Libero

Dopo il grande successo della precedente edizione, anche quest’anno circa 50 scuole di Palermo e provincia apriranno le porte alla città proponendo iniziative sui temi della legalità con concerti, dibattiti, proiezioni cinematografiche e performance teatrali.

 

 

CORTEI

Ore 15.30 Partenza del corteo da Via d’Amelio

Ore 16.00 Partenza del corteo dall’Aula Bunker

 

Ore 17.00–18.00 Cerimonia presso l’Albero Falcone in via Notarbartolo

Dopo l’arrivo dei cortei, ci sarà il momento solenne in ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e di Via d’Amelio. Sul palco, oltre alle principali Autorità delle Istituzioni, si avrà il contributo di artisti di fama nazionale. 

 

Alle 17.58 - Verrà eseguito il Silenzio in onore delle vittime.

 

Ore 19.00 - Messa in ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e via d’Amelio
Presso la Chiesa di San Domenico di Palermo, Pantheon degli Uomini Illustri di Sicilia, dove da due anni si trova la salma del Giudice Falcone, si svolgerà la messa in ricordo delle vittime di mafia celebrata da Don Luigi Ciotti.

 

Ore 20.00 - Teatro Massimo – Spettacolo Teatrale “Le parole rubate”

Al Teatro Massimo di Palermo, sarà messa in scena l’opera teatrale “Le parole rubate”, con la regia di Giorgio Barberio Corsetti, che racconterà i cinquantasette giorni tra la strage di Capaci e di Via D’Amelio.

 

 

23 MAGGIO SOCIAL

L'edizione 2017 sarà caratterizzata da numerose iniziative che porteranno sui social la manifestazione, con l’obiettivo di condividere informazioni, postare idee, pensieri, immagini, video, che ci condurranno alla giornata del 23 maggio. Una community che oltre ad essere presente nelle piazze d’Italia, sarà in connessione virtuale per diffondere al meglio i messaggi di legalità e partecipazione attiva.

 

Diversi i profili social:

Facebook: Palermo Chiama Italia

Twitter: @23maggioItalia

Instragram e Youtube: Palermo Chiama Italia

 

L’evento potrà essere seguito anche sul canale del Miur: @MiurSocial

Gli Hashtag dell’evento saranno #PalermoChiamaItalia #23maggio #Navedellalegalità

Grazie all’impegno delle studentesse e degli studenti dell’Istituto CineTV “Rossellini” di Roma, che riprenderanno tutte le fasi dell’organizzazione, sarà possibile seguire attraverso l’account Youtube #PalermoChiamaItalia tutti i momenti che precederanno la giornata del 23 maggio. Sarà prevista anche la diretta streaming dell’evento dalla pagina Facebook del MiurSocial e su quella #PalermoChiamaItalia.

 

APP “Palermo chiama Italia”

Sarà inoltre possibile scaricare la APP della manifestazione “Palermo Chiama Italia”, realizzata dagli studenti dell’Istituto I.S.I.S Europa di Pomigliano d’Arco (Napoli), attraverso la quale sarà possibile essere informati e aggiornati su tutte le iniziative della manifestazione del 23 maggio e seguire i principali momenti della giornata di Palermo in diretta streaming.

 

 

 

 

 

ALTRI EVENTI

 

CORSA DELLA MEMORIA

 

Il 21 maggio a Palermo si terrà la prima edizione della Corsa della Memoria, la 10 chilometri in ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e di Via d’Amelio. La gara, promossa dalla Fondazione Falcone e da FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera) nasce con l’obiettivo di ricordare la strada percorsa dalle vittime della mafia, una strada fatta di legalità, onestà e coraggio. Ed è lungo una strada, con partenza e arrivo allo Stadio delle Palme “Vito Schifani”, che si dipana il percorso della gara che vede il coinvolgimento di importanti testimonial e grandi sportive e sportivi dell’atletica italiana che saranno a fianco dei non sportivi a testimonianza dell’impegno e della lotta di tutte e tutti per sostenere la lotta contro le mafie. È in programma anche la Stracittadina, ovvero una corsa non competitiva di 5 chilometri aperta a tutte e tutti. La “Corsa per la Memoria”, attraverso lo sport, offre un importante momento di condivisione collettiva e ricordo di quanto è stato fatto in passato e quanto si sta facendo tuttora per la lotta alla mafia.

L'Aula Bunker galleria d'arte d'eccezione

23 maggio 2017.jpg

#PalermoChiamaItalia

23 maggio 2017

 

L’Aula Bunker galleria d’arte d’eccezione

 

Per la prima volta l’Aula Bunker si trasformerà, il prossimo 23 maggio, anche in una galleria d’arte. Eccezionalmente, per il 25mo delle stragi di Capaci e di via D’Amelio, ospiterà l’inaugurazione della mostra “Fidelis” con alcune delle opere d’arte ritrovate dal Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale.  La mostra, il giorno dopo, sarà spostata presso la Caserma “Carlo Alberto Dalla Chiesa” di Palermo dove potrà essere visitata fino al 10 settembre 2017.

 

L’allestimento è curato dall’Arma dei Carabinieri, con la collaborazione del Mibact - Direzione Generale Musei -, la Regione Sicilia, la Fondazione Falcone, le associazioni partner dell’iniziativa, First Social Life e Open Group. A collegare le opere in esposizione è il “filo rosso della memoria”, un percorso che si dipana dal VI secolo a.C. sino al XIX secolo. Un impianto narrativo che aiuta a riflettere sulle vicende della straordinaria e complessa storia culturale italiana; questo grazie al racconto dei recuperi compiuti nell’arco di mezzo secolo di attività del Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale. Dalle azioni di contrasto alle ricerche archeologiche clandestine; dalla complessa attività investigativa per il recupero di opere d’arte, oggetto di furti a chiese o addirittura di rapine in alcuni musei; fino agli interventi, anche molto recenti, nelle aree terremotate, come in zone di guerra, per la messa in sicurezza e la protezione di opere d’arte: è lo straordinario impegno dei Carabinieri specializzati.

 

LE OPERE

 

Arte della Magna Grecia 

Testa di Ade (IV-III secolo a.C.)

Terracotta policroma Aidone (Enna), Museo Archeologico 

 

Un’operazione internazionale di “diplomazia culturale”. Un esempio di efficienza e lavoro congiunto tra l’Arma dei Carabinieri e la magistratura. La Testa di Ade testimonia simbolicamente l’impegno del Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale dei Carabinieri della Sicilia e la Procura di Enna, che ne ha la competenza territoriale. Il Sostituto Procuratore di Enna, Francesco Rio, titolare delle indagini, è l’autore della rogatoria internazionale che, nel 2014, ha dato avvio alla restituzione della Testa di Ade dagli Stati Uniti. Grazie al lavoro dei “Carabinieri dell’arte”, che hanno operato insieme al Dipartimento dei Beni Culturali e all’Identità Siciliana della Regione Sicilia, il 29 gennaio 2016 si è concluso il lungo viaggio di questo capolavoro inestimabile, d’epoca ellenistica, che è stato riportato finalmente in Sicilia. La scultura in terracotta fu trafugata dall’area del Santuario extraurbano di San Francesco Bisconti a Morgantina, in provincia di Enna, alla fine degli anni Settanta, e venduta nel 1985 al Jean Paul Getty Museum di Malibu (Usa) per cinquecentomila dollari. L’opera rappresenta probabilmente il dio Ade, legato al culto di Demetra e Kore, ed è soprannominata Barbablù per il colore della barba. Ora è custodita nel Museo Archeologico di Aidone (Enna), che ospita diversi pregevoli recuperi del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale dei Carabinieri.​

 

Concerto 1617-1618

Bartolomeo Manfredi (Ostiano 1582 - Roma 1622)

Olio su tela. Firenze, Uffizi, Galleria delle Statue e delle Pitture

 

Il 27 maggio del 1993 l’attentato mafioso in via dei Georgofili provocò la lacerazione della tela “Concerto” e la completa distruzione del dipinto “Giocatori di carte”, entrambe opere dell’artista Bartolomeo Manfredi, raffiguranti scene tipiche di genere caravaggesco. La tela in mostra, sebbene straziata, è stata a suo tempo sottoposta ad un meticoloso restauro utile almeno a conservarne la memoria.

 

Rilievo funerario palmireno

Busto di uomo con due bambini (I-II secolo d.C.)

Pietra calcarea. Siria, Palmira

 

Indagini iniziate nel 2008 hanno permesso ai Carabinieri di individuare alcuni cittadini italiani coinvolti nel riciclaggio di denaro verso i Paesi del Medio Oriente. Durante quest’inchiesta sono stati ritrovati nell’abitazione di uno degli indagati beni archeologici e storico-artistici di varia provenienza. Tra questi beni l’opera esposta: era priva dei documenti di proprietà e per questo i Carabinieri l’hanno sequestrata. Il rilievo funerario sarà restituito alla Siria quando la guerra civile sarà conclusa.

 

Le Piazze della Legalità

23 maggio 2017.jpg

#PalermoChiamaItalia

23 maggio 2017

 

Le Piazze della Legalità

Anche quest'anno la manifestazione si arricchisce di una presenza capillare sul territorio di iniziative che coinvolgeranno studentesse e studenti di tutta Italia: una formula introdotta proprio per dare risposta alle richieste di partecipazione sempre più numerose che arrivano dalle scuole di ogni ordine e grado. Le piazze saranno collegate con Palermo, cuore della commemorazione, in un doppio filo che unisce l'impegno delle alunne e degli alunni nel ricordo dei magistrati Giovanni Falcone, Francesca  Morvillo, Paolo Borsellino e delle loro scorte, Agostino Catalano,  Walter Eddie Cosina, Rocco Di Cillo, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Vito Schifani, Antonio Montinaro, Claudio Traina.

Anche per il 2017 la Giornata del 23 maggio prevede iniziative nelle principali piazze delle regioni italiane, grazie al contributo dei “Tavoli della Legalità”, gruppi di lavoro regionali nati dalla collaborazione tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur), il Consiglio Superiore della Magistratura (Csm), l’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac), l’Associazione Nazionale Magistrati (Anm) e gli istituiti scolastici. I “Tavoli” hanno l’obiettivo di attuare programmi regionali di educazione alla legalità e alla corresponsabilità.

Tra le iniziative, le testimonianze di familiari vittime delle mafie e dei rappresentanti delle associazioni impegnate nel contrasto alla criminalità organizzata; dibattiti con magistrati, Forze dell’Ordine ed esponenti della società civile; esposizioni artistiche e concerti. Così si vuole commemorare l’anniversario delle stragi di Capaci e di via D’Amelio nelle piazze. Nelle Piazze della Legalità saranno premiate le scuole che hanno vinto il concorso indetto come ogni anno dal Miur e dalla Fondazione Falcone, questa volta sulla traccia: “Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi – Ricordare per crescere”.

 

 

Le iniziative nelle principali piazze italiane

 

 

Milano.jpgIl 23 mattina, dalle 8.45 alle 12.30, presso l'Auditorium di Milano, si terrà il convegno dal titolo "L'eredità di Falcone e Borsellino nella Calabria che si ribella". All’iniziativa parteciperanno circa 1.200 tra studentesse e studenti delle scuole secondarie di II grado e dell’università. Interverranno il Procuratore Aggiunto della Repubblica di Reggio Calabria Calogero Gaetano Paci e il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Delia Campanelli.

Sempre nella mattinata Martina Mazzeo, docente dell’Università degli Studi di Milano, dialogherà con Rocco Mangiardi (imprenditore che si è ribellato al pizzo) e Michele Albanese (giornalista minacciato dalla ‘ndrangheta). Concluderà l’incontro Nando Dalla Chiesa, professore di Sociologia della criminalità organizzata dell’Università di Milano. Saranno premiate le scolaresche che si sono distinte per i progetti sulla legalità. L'evento è organizzato dal Centro di promozione della Legalità (Cpl) di Milano, dal Coordinamento delle scuole milanesi, dall'Ufficio scolastico regionale (Usr) della Lombardia, dalla Fondazione Falcone, da Libera, dalla Fondazione Cariplo e dalla Scuola di formazione Antonio Caponnetto. Sono previsti nel pomeriggio e sono aperti a tutti i cittadini, presso il Liceo Volta, incontri di approfondimento.

Si terrà poi alle 16.45, presso i giardini "Falcone-Borsellino", la cerimonia in memoria delle stragi di Capaci e di via D’Amelio. Parteciperanno il sindaco Giuseppe Sala, il direttore dell’Usr Delia Campanelli, il referente di Libera, Giuseppe Teri. Chiuderà la giornata, alle ore 21, l’incontro con Alessandra Cerreti, della Direzione Distrettuale Antimafia di Milano, di nuovo presenti Mangiardi e Albanese, e con Lamberto Bertolé e David Gentili, consiglieri comunali di Milano. L’appuntamento si terrà presso la Sala Alessi, a Palazzo Marino.

 

Referente: Simona Chinelli  (tel. 339 524 8425)

 

 

teramoPresso l’Università degli studi di Teramo saranno presentati i progetti didattici realizzati dalle scuole dell’Abruzzo sul tema della legalità e della cittadinanza attiva. Nell’area esterna dell’ateneo sarà allestito il Villaggio della Legalità con attività ed iniziative rivolte alle scuole primarie. Dalle ore 11 alle 13 si terrà la cerimonia istituzionale di commemorazione presso l’Aula Magna. Saranno presenti: Marco Alessandrini, figlio del giudice Emilio Alessandrini, vittima del terrorismo, Rinaldo Seca e Maurizio Brucchi, rispettivamente sindaco di Castelli e di Teramo. Con loro anche alcune studentesse e studenti delle zone colpite dal terremoto. Interverranno inoltre Don Aniello Manganiello, parroco di Scampia, l’attrice Grazia Scuccimarra e Lorenzo Gagliardi della squadra di soccorso alpino della Guardia di Finanza mobilitata nella tragedia dell’albergo abruzzese travolto da una valanga. A moderare l’attore Pietro Sparacino.

Nel pomeriggio alle ore 15, un corteo partirà da piazza dei Tigli fino a piazza dei Martiri, sotto l’albero di Magnolia: interverrà il Prefetto del capoluogo abruzzese Gabriella Patrizi.

 

Referente: Antonella Mancaniello (tel. 392 001 6421)

 

 


 roma.jpg
Presso il Teatro “Ambra Jovinelli” dalle ore 9.30 alle ore 12.30, circa 800 studentesse e studenti di tutto il Lazio parteciperanno all’incontro con il Procuratore Capo della Repubblica di Roma, Giovanni Pignatone, il Vice Procuratore Capo della Repubblica di Roma, Michele Prestipino e Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio. Ad introdurre l’incontro Gianpiero Cioffredi. Nel corso della giornata ci sarà una staffetta tra scuole con il passaggio del Codice penale appartenuto a Giovanni Falcone. Alle ore 21 si terrà lo spettacolo “Uomini soli”, con voce narrante di Attilio Bolzoni e l’accompagnamento del violoncellista Giovanni Sollima. La giornata è organizzata dalla Regione Lazio e dall’Osservatorio per la Criminalità con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale del Lazio.

Referente: Gabriella Stramaccioni (tel. 335 874 5533)

 

 

                 

Foggia-Bari.jpgDue le iniziative in programma per il 23 maggio. A Bari (in località Catino), presso il cortile dell’Istituto Comprensivo Giovanni Falcone, si terrà la presentazione dei lavori delle scuole delle provincie di Bari, Taranto, Brindisi e Lecce. Saranno presenti le Consulte studentesche. Con loro anche il sindaco di Bari Antonio Decaro, il Presidente della Regione Michele Emiliano, il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale della Puglia Anna Cammalleri, i parenti di alcune vittime di mafia, le autorità delle Forze dell’Ordine, i rappresentanti dell’Associazione nazionale magistrati, i referenti di Libera.

A Foggia, presso il Parco di San Felice, sono invece previste esibizioni e messe in scena di alcune scuole. Gli eventi sono promossi dall’Ufficio Scolastico Regionale, dall’Amministrazione comunale di Foggia e di Bari.

 

Referente: Rosa Diana (tel. 347 761 9818)

 

 

 

Trieste-Gorizia.jpgIl 23 mattina dalle 9.30, a Trieste, nella sede della Corte d'Assise d'Appello del Tribunale, ci sarà un incontro tra i magistrati e le scuole sul tema della “testimonianza, cittadinanza e dovere”. Nel corso della mattinata le studentesse e gli studenti proporranno delle riflessioni su legalità e cittadinanza. Saranno presenti circa 250 tra studentesse e studenti degli istituti di ogni ordine e grado che hanno partecipato al concorso della Fondazione Falcone e del Miur.

Parteciperà il Consiglio comunale dei giovani di Fiumicello, il Comune di Giulio Regeni.

A Gorizia, presso il teatro comunale Giuseppe Verdi, è prevista una giornata della legalità aperta a tutte le studentesse e tutti gli studenti delle primarie e secondarie della città. Verranno presentati brevi filmati e progetti realizzati dalle scuole. Interverranno il Questore di Gorizia Lorenzo Pillinini, il Sindaco Ettore Romoli, l’Assessore regionale all’istruzione Loredana Panariti e  la Dirigente scolastica Anna Maria Zilli che presenterà il progetto “Umanità dentro la guerra – fare storia con i memoriali”. Verrà esposta una foto rara di Falcone e Borsellino e chiuderà la mattinata il coro SLATA…PER costituito dagli studenti dell’istituto Dante Alighieri di Gorizia.

 

Referente: Flavia Virgilio (tel. 339 218 3705)

 

 

napoli.jpgDalle ore 9, presso il teatro Augusteo, più di mille studentesse e studenti provenienti da tutta la Campania parteciperanno alla tavola rotonda “L’esempio di Falcone e Borsellino: ricordare per crescere”. L’apertura è affidata al Coro giovanile del Teatro di San Carlo e la tavola rotonda sarà moderata da Ottavio Lucarelli, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania. Interverranno Luisa Franzese, Direttore dell’Usr Campania, Luigi Riello, Procuratore Generale, Antonio Buonajuto, Presidente Emerito della Corte d’Appello, Antonio De Iesu, Questore di Napoli, Pierpaolo Filippelli, Presidente dell’Anm del distretto di Napoli. Parteciperanno inoltre don Tonino Palmese, Vicario episcopale, Fabio Giuliani, referente regionale di Libera, Alessio Coppola, rappresentante delle Consulte studentesche. Sono previste esibizioni musicali, performance degli istituti, e saranno premiate le scuole selezionate dal concorso della Fondazione Falcone e del Miur.

 

Referente: Marina De Blasio (tel. 347 305 1737)

 

vibo valentia.jpgDalle ore 9.30, presso il Convitto Nazionale Filangieri e, in contemporanea con altre scuole che si sono distinte nel concorso sulla legalità, sarà proiettato il film “Senza niente per te” realizzato dal Coordinamento regionale delle Consulte studentesche della Calabria in partenariato con l’Istituto professionale di Stato Cine-Tv “Roberto Rossellini” di Roma. Il film, interpretato e realizzato dalle studentesse e dagli studenti delle Consulte calabresi e romane con il supporto della professoressa Franca Falduto, come sceneggiatrice, e del professore Francesco Ferrari, in qualità di regista, sarà occasione nelle varie sedi di dibattito con il pubblico presente. Sono previste in chiusura esibizioni artistiche di vario genere: musicale, coreutico, pittorico, scultoreo, fotografico con la sperimentazione e la realizzazione di “opere” sul tema della Legalità e Cittadinanza. Interverranno il sindaco di Vibo Valentia Elio Costa, il prefetto Guido Longo, la referente regionale per la legalità Stella Franco e la responsabile regionale delle Consulte degli Studenti Franca Falduto collegata via skype dalla nave della legalità e dall’Aula Bunker.

 

                        Referente: Franca Falduto (tel. 349 663 2431)

                                            Stella Franco (tel. 392 586 6102)

                                           

 

ALTRI EVENTI IN ITALIA

 

Rionero in Vulture.jpgPresso il Centro Sociale di Rionero in Vulture si terrà una manifestazione che coinvolgerà le scuole del Vulture-Melfese per l’intera giornata del 23 maggio. In programma un convegno con il Sottosegretario all’Istruzione Vito De Filippo, la Prefetta di Potenza Giovanna Cagliostro, la Dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale (Ust) di Potenza Debora Infante, il Dirigente tecnico per l'Usr della Basilicata Antonio Pinto, la docente referente regionale per la Legalità e la partecipazione studentesca Barbara Coviello, il Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza Vincenzo Giuliano, e una rappresentanza della Consulta provinciale degli Studenti di Potenza. Nel pomeriggio le ragazze e i ragazzi saranno impegnati in attività culturali e in due spettacoli teatrali: "Testimoni di Legalità" e "Il sogno di Ulisse: la bellezza salverà il mondo".

 

 

 

 

Potenza.jpgL'Associazione Libera Basilicata ha organizzato presso il teatro Stabile di Potenza, dalle ore 10.30 alle 13, una giornata di riflessioni sulle stragi e sul significato della memoria nel contrasto alle mafie e alla corruzione. All'iniziativa parteciperanno le rappresentanze della Prefettura di Potenza, delle Forze dell'Ordine, il Sindaco di Potenza Dario De Luca, e l'Usr della Basilicata. Come  rappresentante di Libera interverrà don Marcello Cozzi.

 

 

 

 

 

 

Perugia.jpgDalle ore 10 presso il Teatro Pavone sarà rappresentato lo spettacolo con attori e marionette della compagnia “Tieffeu”, in collaborazione con Libera, destinato alle scolaresche delle primarie della città. Al termine dello spettacolo studentesse e studenti saranno coinvolti in un dibattito sui temi trattati in compagnia del giudice del Tribunale dei Minori Giuseppina Arcella. Nel pomeriggio, sempre al Teatro Pavone, sarà proiettato il film “Palermo Milano solo andata” destinato alle scuole del II ciclo. Al termine della proiezione è previsto il dibattito alla presenza del giudice Luca Semeraro e del critico cinematografico Daniele Corvi. Alle ore 17 l’incontro al Tribunale amministrativo regionale, dove una rappresentanza degli istituti secondari di secondo grado della città sarà accolta dal Presidente del Tar Raffaele Potenza. Contemporaneamente si apriranno le porte della Corte d’Appello per accogliere ragazze e ragazzi, che saranno guidati dai magistrati nelle aule di giustizia su un percorso tra arte e legalità. A seguire, e per concludere, all’esterno del Tribunale ci saranno le esibizioni di gruppi musicali studenteschi
.

 

Il Villaggio della Legalità

23 maggio 2017.jpg

#PalermoChiamaItalia

23 maggio 2017

  

Il Villaggio della Legalità

 

 Laboratori didattici, proiezioni, dimostrazioni pratiche, esposizioni e spazi informativi. È questo e tanto altro il Villaggio della Legalità allestito all’esterno dell’Aula Bunker del Carcere dell’Ucciardone di Palermo e aperto alle scuole dalle 8 del mattino del 23 maggio.  I laboratori saranno organizzati dalle Forze Armate, dalle Forze dell’Ordine, dagli Scout e coinvolgeranno le studentesse e gli studenti in attività dimostrative del servizio che svolgono per la comunità, attraverso l’esposizione di pannelli informativi, strumentazioni, materiale storico, con dibattiti e proiezioni. C’è poi l’impegno di diverse scuole di Palermo che esporranno i loro elaborati e svolgeranno attività di laboratorio sui temi della legalità e della lotta alla criminalità organizzata.

 

Ma i temi affrontati saranno anche altri: sicurezza stradale, dimostrazioni di manovre salvavita, educazione alimentare. Si parlerà di salute, di igiene personale e di un’adeguata attività fisica, ma anche di come ridurre i rischi di disastri ambientali e gli effetti dei cambiamenti climatici.

 Nel Villaggio saranno allestiti:

 

  • un’Area ristoro che distribuirà i pasti
  • un’Area-Stampa con materiali e informazioni a disposizione dei giornalisti
  • un Info Point su tutte le iniziative della giornata del 23 maggio

Le università per la legalità

23 maggio 2017.jpg

#PalermoChiamaItalia

23 maggio 2017

Le università per la legalità

Quest’anno, oltre alle esperienze degli Istituti Scolastici di tutta Italia, saranno presenti a Palermo le Università, per raccontare il percorso di diffusione della cultura della legalità portato avanti anche dal mondo accademico italiano. Un percorso iniziato proprio a Palermo un anno fa, in Aula Bunker, quando è stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari, la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane e la Fondazione Falcone. Durante questi mesi, dopo una call rivolta a tutto il mondo dell’istruzione superiore, sono stati realizzati dei progetti che hanno visto come protagonisti proprio le studentesse e gli studenti universitari provenienti da 19 Atenei di tutta Italia. Il 22 e 23 maggio, una delegazione di circa 100 tra studentesse e studenti sarà a Palermo per confrontarsi sui percorsi di diffusione dei valori della legalità e sui principi della sana convivenza civile tra le nuove generazioni.

Le universitarie e gli universitari rappresentano, nell’ambito delle iniziative organizzate per il venticinquesimo anniversario delle stragi, proprio quella generazione nata tra la montagna sventrata di Capaci e la città distrutta di Via D’Amelio. Nello specifico, le studentesse e gli studenti saranno coinvolti nell’ambito del progetto “Le Università per la Legalità” attraverso le seguenti iniziative:

  • 22 maggio 2017, ore 09:00 (Rettorato Università di Palermo) – briefing tra le delegazioni aderenti alla CALL 2017 e i rappresentanti del MIUR, del CNSU, della CRUI e della Fondazione Falcone.
  • 22 maggio 2017, ore 19:30 (Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo) – evento musicale “Un concerto per Falcone e Borsellino” per estendere gli intenti del protocollo d’intesa 2016 a tutto il mondo dell’Alta Formazione.
  • 23 maggio 2017, ore 09:00 (Facoltà di Giurisprudenza Università di Palermo) – in contemporanea con quanto accadrà in Aula Bunker, le studentesse e gli studenti si incontreranno per la presentazione dei progetti degli Atenei e per individuare l’Università che ospiterà l’edizione 2018 del progetto, prima di unirsi nel pomeriggio al corteo che partirà dall’Aula Bunker e terminerà sotto l’Albero Falcone.

Le attività delle Università saranno seguite, oltre che da una diretta su RAI1 il 23 maggio, da un documentario che sarà realizzato da RAI CULTURA-RAI SCUOLA.

 

Corsa per la memoria

Corsa per la memoria

 

 

 

 

 

 

Palermo 21 Maggio 2017

CORSA PER LA MEMORIA

10k competitiva e 5k non competitiva

Gente comune e atleti della nazionale italiana correranno

nel ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e di Via d’Amelio

 

Correre per mantenere viva la memoria e il ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e di Via D’Amelio: a 25 anni dagli attentati, a Palermo nasce la I edizione della “Corsa per la memoria”, una gara di 10 km promossa dalla Fondazione Falcone e da FIDAL, la Federazione Italiana di Atletica Leggera.

È in programma anche la Stracittadina, ovvero una non competitiva di 5km aperta a tutti e da correre ognuno al proprio passo.

 Al nastro di partenza della 10k, inserita nel calendario nazionale, saranno presenti molti atleti della nazionale italiana: Giuseppe Gerratana, specialista sui 3000 metri siepi, vicecampione continentale agli Europei under 23 di Tampere 2013, l’Olimpionico Yuri Floriani delle Fiamme Gialle, Mattia Moretti, specialista negli 800 e 1500 metri, Claudia Cesarini Oro ai campionati del mondo ed Atleta olimpionica nel Pentathlon, Paolo Zanatta – G.S. Fiamme Oro Padova, Silvia Weissteiner, 40 volte presente in nazionale e bronzo Europeo, Rosalba (Rosaria) Console, medaglia d’oro ai Mondiali militari di maratona con le Fiamme Gialle, Anna Incerti Olimpionica con la nazionale Italiana e campionessa Europea nella Maratona, non correrà la 10K competitiva ma accompagnerà la gente nella 5K non competitiva essendo la Madrina FASTED (Corriamo per la Talassemia) della manifestazione e Palermo è la sua città natale, Angelo Iannelli vincitore della 1° Maratona dedicata a Pietro Mennea, Manuel Cominotto vice campione ai mondiali militari di Maratona.

 “La Corsa per la Memoria” non è solo un appuntamento sportivo, sin dall’ideazione dell’iniziativa è stato chiaro quale dovesse essere il senso dell’evento: il ricordo e l’esempio che le vittime delle stragi ancora oggi possono dare a tutti noi per farci guardare avanti e affrontare il futuro con spirito positivo, con coraggio, altruismo e sacrificio.

Il Comitato organizzatore, composto da Giorgio Cambiano, Nicolas Meletiou e Aldo Siragusa, ha voluto fortemente la realizzazione di un libretto, destinato ai partecipanti alla manifestazione, adulti e bambini, alle scuole di Palermo ma non solo che esprimesse il senso e il messaggio dell’evento. Grazie all’accurato disegno e al ritratto delle vittime e con una frase che potesse ricordare ciascuno di loro, così è nato il libretto, curato da Stefania Giuliani e Lorenzo Bartolucci, con la prefazione di Valerio Piccioni, giornalista de La Gazzetta dello Sport, e una frase di Nicolas Meletiou: “C’è chi ti insegna ad inchinarti e chi ti insegna a vivere a schiena dritta. Quando scegli un Maestro scegli cosa diventare”.

 

 A tutti i partecipanti della 10k e 5k sarà offerto il pacco gara che prevede: la maglia tecnica ufficiale per la 10k, la t-shirt in cotone per la 5k, prodotti messi a disposizione degli sponsor e il Libretto della Corsa per la memoria.

 

Domenica 21 maggio 2017 chi correrà la 10K competitiva o la 5K non competitiva potrà farlo non soltanto per ricordare ed onorare le vittime delle efferate stragi del ’92, ma anche per raccogliere fondi a favore della Fasted Palermo Onlus, la Federazione delle Associazioni Siciliane di Talassemia, Emoglobinopatie e Drepanocitosi che ha sede presso la U.O.C. Ematologia con talessemia dell’ARNAS Civico – Di Cristina Benfratelli di Palermo.

 

A tutti i runners all’arrivo verrà consegnata la medaglia dell’evento.

 

Per le iscrizioni e ulteriori informazioni tecniche http://www.corsaperlamemoria.it/

 

Canotta tecnica per la 10K

Scarica comunicato 

Scarica Comunicato